Chiesa di Sant’Antonio Abate – Posada


Chiesa di Sant’Antonio Abate – Posada

Chiesa parrocchiale edificata in età giudicale, probabilmente nel dodicesimo secolo, quando fu anche costruito il castello della Fava. Il 15 gennaio del 1388, all’interno dell’edificio sacro, fu firmata la pace tra la giudicessa Eleonora d’Arborea e il re Giovanni d’Aragona. E’ caratterizzata da un’unica navata trapezoidale e ha subito numerose modifiche nel corso dei secoli.
Sant’Antonio Abate è il PATRONO di Posada che si festeggia il 17 gennaio. I giovani del paese, già da 10 giorni prima iniziano a raccogliere frasche di Cisto (mutrego), con battaglia di arance tra i vari carri e premiazione del più bello e ricco. Il ‘mutregu’ verrà accumulato per preparare una pira che verrà incendiata, dopo messa e processione con doni al Santo la sera del 16 gennai. I Posadini sapranno così se quello è un’anno buono di raccolto in base a come si orienta il fumo. In quella occasione vengono offerti in dono pane e dolci o l’arantzada (dolce di mandorle, miele e buccia d’arancia) fatti in casa a tutti i partecipanti della festa, il tutto gestito da un priorato della Festa

Borgo Storico di Posada

Borgo – Posada
Il borgo del paese mantiene la struttura medievale, con i vicoli tortuosi collegati da ripide scalinate, archi e piccole piazze. Le case in pietra grigia sono state ottimamente ristrutturate.
Dal Centro Storico si può ammirare tutta la vallata offendo un panorama, in tutte le ore del giorno, suggestivo e piacevole. Tra una via ed un vicolo si trovano case conservate e abitate, che offrono colore e verde al borgo

TRATTO DA: http://it.wikipedia.org/wiki/Posada
Posada – Veduta

Storia di Posada da Wikipedia

TRATTO da http://it.wikipedia.org/wiki/Posada

Posada

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando informazioni sulla processione religiosa del periodo dell’Avvento in Messico, vedi Posadas (religione).
Posada
comune
Posada – Stemma
Posada – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia di Nuoro-Stemma.png Nuoro
Amministrazione
Sindaco Roberto Francesco Tola (lista civica) dal 31/05/2010
Territorio
Coordinate 40°38′00″N 9°43′00″ECoordinate: 40°38′00″N 9°43′00″E (Mappa)
Altitudine 37 m s.l.m.
Superficie 32,77 km²
Abitanti 2 928[1] (30-09-2014)
Densità 89,35 ab./km²
Frazioni Montelongu, San Giovanni di Posada, Sas Murtas
Comuni confinanti Budoni (OT), Siniscola,Torpè
Altre informazioni
Cod. postale 08020
Prefisso 0784
Fuso orario UTC+1
CodiceISTAT 091073
Cod. catastale G929
Targa NU
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti posadini
Patrono sant’Antonio
Giorno festivo 17 gennaio
Cartografia

Mappa di localizzazione: Italia

Posada
Posizione del comune di Posada nella provincia di Nuoro
Posizione del comune di Posada nella provincia di Nuoro
Sito istituzionale

Posada (po’zad̪a[2], Pasada in sardo) è un comune italiano di 2.928 abitanti della provincia di Nuoro ed il capoluogo storico della omonimaBaronia.

 

 

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Bronzetto raffiguranteErcole rinvenuto a Posada. Cagliari, Museo Archeologico Nazionale.

Primordi[modifica | modifica wikitesto]

Posada è uno dei centri abitati sardi più antichi in assoluto. La scoperta (negli anni ’20) di una statuetta rappresentate un Ercole Italico del V-IV secolo a.C. unitamente al ritrovamento di reperti di pari epoca, testimonia la presenza dell’uomo sin da tempi remoti.

Di fatto Posada fu un centro italico-etrusco (verosimilmente falisco), collegato probabilmente al primo tentativo di colonizzazione della Sardegna attuato dai romani già in epoca punica. Diodoro riferisce dell’invio sull’isola di 500 coloni romani tra il 378 e il 377 a.C. (un secolo prima della conquista).

Feronia[modifica | modifica wikitesto]

Feronia è il nome che nelle prime carte nautiche si reperisce per aree riferibili a quelle di Posada, e qualche documento altresì indica l’esistenza di un centro abitato con questo nome. Il luogo è però scomparso e solo delle teorizzazioni mirano ad identificarne il sito con l’area detta di Santa Caterina.

Feronia, in realtà, è anche il nome di una dea etrusca, il cui culto si celebrava a Capena (poco a nord di Roma) ed a Terracina, nel Sud pontino. Era una dea della fertilità, delle acque, del commercio e di molte altre importanti competenze, e si è provato a verificare se i toponimi, presumibilmente estesisi da templi o comunque da centri dedicati alla dea, potessero riflettere elementi di comunanza fra la nostra e le dette località.

L’elemento comune principale pare individuarsi nella posizione di passaggio, con presenza di un foro mercantile, a relativamente poca distanza dall’acqua (il fiume Tevere per Capena); in effetti, i tre siti erano importanti mercati di scambio navale-terrestre, erano tutti tappa intermedia, diciamo distributiva, per le zone di retroterra, e la dea appunto dava patrocinio sul commercio, oltre che sulla fertilità dei suoli (dettaglio importante per la Sardegna, produttrice di grano).

In tema di etimologia toponomastica, si è anche formulata l’ipotesi latineggiante (coordinata con quella per il toponimo di Oniferi) per la quale invece il nome verrebbe da qualche forma del verbo “portare” (fero, fers) seguita da “omnia”, a indicare il luogo ove “tutto si porta” (sottintendendone la connotazione di mercato – riferimento effettivamente valido anche per Oniferi). Per questa teoria perciò il medesimo nome etrusco non sarebbe che una coincidenza. Va detto però che questa tesi gode di poco seguito.

Nemmeno la sopravvenienza dei Romani dovette esser cagione della scomparsa del sito, poiché le carte nautiche che lo richiamano sono di molto successive al loro arrivo.

Età romana[modifica | modifica wikitesto]

Il periodo posteriore alla conquista romana della Sardegna (238 a.C.) è segnato in questa zona dalla creazione (o, assai più probabilmente, l’ampliamento) del Portus Liquidonis (o Portus Luguidonis) che aveva ubicazione in località San Giovanni, nella cala a fianco alla torre aragonese.

È interessante notare che Posada era al tempo un vivace centro di scambio con i mercati dell’interno, fungendo da tappa intermedia con Olbia; ad Olbia infatti giungeva il naviglio di grosso tonnellaggio proveniente da Ostia e dagli altri porti tirrenici, e da Olbia proseguiva con natanti più agili per il Portus Liquidonis, dove sarebbe stato sbarcato per proseguire via terra verso il Nuorese lungo le valli che costeggiano il Monte Albo. Il percorso nautico era estremamente periglioso, data la conformazione delle coste, rocciose, con innumerevoli scogli affioranti e sferzate da un tremendo vento di Maestrale o di Scirocco; i Romani, pertanto, prevedevano realisticamente, e conseguentemente già calcolavano, una perdita di un terzo del naviglio viaggiante fra queste due destinazioni, che in realtà distano fra loro circa una trentina di miglia nautiche.

Nelle acque del Golfo di Posada, pescatori della metà del Novecento hanno riferito di numerosi ritrovamenti di opere marmoree e bronzee, statue ed altri lavori presumibilmente destinati all’arredamento di dimore di rappresentanti dell’Urbe. Tali reperti, nella non consapevolezza del loro potenziale valore, venivano semplicemente spostati in zone non navigabili o verso il mare aperto, essendo la loro esigenza primaria quella di salvaguardare le reti.

Con i Romani comincia a diffondersi il nuovo nome di “Pausata” (poi confluito nello spagnolesco attuale), anche nelle varianti “Possata”, “Pasada” (come in sardo), “Passata” (latino volgare). Nel nome, il destino di un luogo di sosta, tappa di viaggio, stazione di cambio cavalli, nodo di scambio fra trasporto terrestre e marittimo. Luogo di frontiera, dunque, fra terra e mare, ma anche fra “terre” e “terre”.

Come sostengono altri studiosi, il nome Pausada potrebbe derivare dall’antico nome Pausania (o Fausina) che viene di solito riferito all’antica Olbia e non invece all’attuale Posada. Il nome inoltre, così come si vuole per tante altre località poste alla foce di un fiume potrebbe significare proprio questo: “luogo dove il fiume (formando stagni prima di sfociare in mare) si posa”. Nel 1095, con la bolla del 4 aprile, il papa Urbano II (l’ispiratore delle Crociate) nomina per la prima volta Posada in documenti ufficiali dell’Età Giudicale: la “corte” di Santo Stefano di Pausade (popolarmente chiamata “sa Cathedrale”) era confermata fra le disponibilità dei monaci benedettini clunyacensi del convento di San Vittore di Marsiglia, i “Vittorini”. Nel 1088 era stato era stato Gregorio VII a darla loro in concessione perché divenisse sede di priorato e ospedale. Salvatore Italo Deledda, acutissimo storico sardo, si spinge a identificare Posada con quella non accertata Phausania che spesso compariva nei documenti dell’epoca come centro degli interessi dei monaci benedettini e dell’affermazione del loro potere temporale nell’Isola, nonché “caserma” teologica per l’opera di evangelizzazione delle aree interne, presumibile sede di diocesi.Per altri il nome Posada potrebbe derivare da Poseidon.

Il periodo giudicale[modifica | modifica wikitesto]

L’età dei Giudicati sardi, che va dal IX secolo al XV, vide Posada quasi costantemente in una difficile situazione di terra di confine, al limite meridionale del Giudicato di Gallura (di cui era una curatoria) ed a quello superiore del Giudicato di Arborea.

A ciò si devono dunque la costruzione del Castello della Fava (XII secolo), più tardi definito “multis proeliis clarum” e la fortificazione dell’abitato con più cinte murarie, delle quali sopravvive solamente quella più elevata. Conquistato e riperso più e più volte, a seguito di alterne occupazioni il castello fu sede di residenza dei Giudici Galluresi e, dall’altro versante, vi risiedette sporadicamente anche la stessa Eleonora d’Arborea. Non essendo un presidio militarmente ben difendibile (a paragone di altri castelli del tempo) e quindi “sicuro”, molti studiosi convengono che potesse realmente trattarsi di una sorta di residenza turistica ante litteram.

La virulenza della malaria, favorita dalla rilevanza delle superfici a stagno, causò uno spopolamento del paese intorno al 1345 ed un calo della produzione, ma non delle tasse pretese dalla Corona d’Aragona in guerra con l’Arborea, tanto che, più per l’oppressione fiscale che per timori sanitari, le zone furono quasi completamente abbandonate.

Poco dopo Posada fu nuovamente arborense e tale rimase sino al definitivo declino della potenza autoctona.

La Baronia[modifica | modifica wikitesto]

Caduta nel 1410 Arborea, l’ultimo Giudicato sardo, Posada sarebbe ben presto stata infeudata dalla Casa di Aragona ai Carroz, conti di Mandas e Terranova (1431), anche formalmente elevata al rango di Baronia (lo era già, almeno territorialmente, da circa un secolo) ed organizzata come capoluogo di quel raggruppamento di villaggi che naturalmente vi si sarebbero riferiti: Torpè, Siniscola, Lodè.

Dopo esser stata teatro del primo sequestro di persona a scopo di estorsione della storia di Sardegna (1477), la Baronia, ora territorio periferico di un distante regno non isolano, fu oggetto di intense attività predonesche da parte dei pirati saraceni (spesso tunisini ed algerini) e di quelli lanzichenecchi e barbari; parallelamente, un banditismo interno di grassazione (di cui non di rado erano parte preti sbandati) teneva costantemente sotto minaccia le popolazioni.

I Baroni che vi si successero non ebbero mai molta cura del feudo, tanto che nel 1623, a seguito di una delle innumerevoli sanguinose predazioni, il Consiglio del Real Patrimonio d’Aragona in pratica sequestrò il feudo al legittimo titolare (Michele Portugues, il quale non vi aveva organizzato alcun sistema difensivo, cagionandone così la vulnerabilità) e lo costrinse a procedimenti giudiziari di riscatto che poi lo condussero alla perdita fallimentare della proprietà e del titolo.

Il banditismo, si diceva, condizionò le attività produttive locali, col risultato di impoverire le comunità al punto da registrarsi una tristemente celebre carestia nel 1681; in intuibile conseguenza, il Seicento fu quindi anche il secolo della peste, che – sovrapponendosi alla “tradizionale” malaria – decimò la popolazione (Torpé fu addirittura annientata) e rinfoltì a sua volta le file delle orde banditesche.

Trascorso il Settecento quasi esclusivamente nella duplice funzione di pagatrice di tasse e di fornitrice di truppe per eserciti esterni, la Baronia di Posada sarebbe poi stata l’ultimo feudo ad essere riscattato dai Savoia, intorno al 1860, l’ultimo ostacolo alla composizione del Regno d’Italia.

Il Novecento[modifica | modifica wikitesto]

Posada vista dalla foce dell’omonimo fiume. Sullo sfondo ilMonte Albo.

Il passaggio allo stato italiano fu vissuto a Posada senza grandi entusiasmi ed in mancanza di gravi danni. La nuova amministrazione di stampo piemontese prese piede in luogo della scomposta precedente organizzazione feudale, imponendo un sistema che da tutta l’isola fu vissuto come esterno e che anche colà tardò ad essere definitivamente accettato.

Come altrove, anche qui fu soprattutto la trasformazione del sistema delle proprietà terriere (imposto già dal 1820 col noto “editto delle chiudende“) a creare malcontenti e disordini di lento riassorbimento. Così la necessità di un riordino catastale, non compiuto per gli assetti potestativi. La successione delle modificazioni, la burocratizzazione dello stato, non ebbero pronto adempimento intorno a Posada, ed anche sotto il regime fascista vi fu una continuità del solo caos amministrativo.

La progressiva cessione di territori ai nascenti comuni di San Teodoro e di Budoni ha nel tempo privato Posada di terreni poi rivelatisi strategici sotto un profilo economico, per l’avveniente fenomeno turistico, sebbene del resto non potesse gestirli ed anzi non vi mostrasse interesse alcuno. Il detto disordine catastale ha fatto sì peraltro che il comune di San Teodoro, non più direttamente confinante, possieda delle misteriose quanto inutilizzabili enclaves nelle zone meridionali del comune di Posada.

Va però detto che i paesi di Budoni e San Teodoro, per cultura e variante linguistica (del sardo), sono a tutti gli effetti terre di Gallura, in poca comunanza di mentalità con i Baroniesi malgrado l’irrisoria distanza; le cessioni ai costituendi municipi non fecero dunque che rendere equa ragione di queste differenze.

Povera più che prima sotto la seconda guerra mondiale, Posada fu parzialmente bonificata nel dopoguerra nel quadro del piano Marshall, e successivamente (ma non conseguentemente) si riavviò qualche timido processo produttivo agricolturale, sebbene le opportunità offerte dal territorio (particolarmente fertile grazie anche alla sua origine alluvionale) siano sottoutilizzate.

Nonostante la realizzazione di uno sbarramento sul Rio Posada (diga di Maccheronis), Posada ebbe sempre a soffrire gravemente (sino a tempi recentissimi) di crisi idrica, fattore di rallentamento della produzione agricola ma anche del pur straripante successo turistico. Pur in assenza di servizi, e nella consapevolezza dell’impossibilità di fornirne, in tema di turismo fu ideata la lottizzazione del territorio rivierasco di “Paule ‘e mare” (diventato San Giovanni), oggetto di un rimboschimento a pineta iniziato negli anni sessanta e di una partizione urbanistica (poi non rispettata appieno in termini di indici) che avrebbe preso corpo durante gli anni settanta del noto abusivismo edilizio. Il centro, fino a poco tempo fa sede di uno storico quanto rinomato stabilimento balneare della Polizia, superò comunque la fase edificatoria e sopperì in modi spontanei alla carenza di servizi, ed è un’ottima destinazione di villeggiatura.

Agli ultimi decenni vanno ascritte le ormai numerose iniziative di recupero del pregiato centro storico di Posada, ben rappresentativo dell’originario borgo medievale.

I villaggi scomparsi[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alla detta Feronia, si ha traccia documentale della presenza, in vicinanza di Posada, di altri centri abitati irritrovabili. Si tratta di comunità della cui esistenza sappiamo grazie alle registrazioni del “Liber Fondachi”, sorta di registro delle entrate fiscali, in cui si evince che sino al Trecento inoltrato si percepivano tributi dai villaggi Arischion, Sollai, Loquilla, Stelaya, e da altri luoghi i cui nomi non sono rilevati con omogenea definizione.

Sulla effettiva ubicazione di tali siti vi sono solo delle ipotesi, o meglio delle congetture, mancanti però di riscontri validi. Per esempio, si dice che Sollai sorgesse vicino alla frazione di Sas murtas, ma non sono mai stati fatti degli scavi per verificarne la notizia.

Va registrato che, seppure sia riconosciuto l’eventuale potenziale valore di un approfondimento sugli argomenti, precipuamente al fine di determinare con maggior precisione e dettaglio quali e quante civiltà si siano succedute nel territorio (e quando), l’interesse degli studiosi e delle Autorità segue andamenti ondivaghi, talora suggerendo nuove campagne di studio, talaltra “insabbiando” operazioni di scavo pronte per partire, non potendosi peraltro escludere influenze di interessi terrieri, a partire dai lavori per la realizzazione della superstrada Olbia-Nuoro, ovviamente contrastanti con le attività archeologiche.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello della Fava

Luoghi di interesse naturalistico[modifica | modifica wikitesto]

Vista da Posada

La valle di Posada, in pratica creatasi per sedimentazione alluvionale alle foci del Rio Posada, contiene numerosi spunti di interesse naturalistico.

Se già la peculiare conformazione geologica manteneva una certa difficoltà di accesso alle terre scoperte, il dislocamento di numerosi stagni ed impaludamenti, flemme dei vari tronconi del fiume, ha certamente avuto un suo ruolo di fondamentale importanza nella preservazione di endemismi e rarità botaniche e faunistiche, avendo di fatto tenuto a bada i fisiologici processi di antropizzazione.

Anche la disinfezione antimalarica del dopoguerra effettuata dalla Fondazione Rockefeller in esecuzione del noto piano Marshall, non ha lasciato tracce evidenti del suo passaggio, non essendosi reperiti residui contaminanti (DDT) ad una verifica esperita pochi anni addietro.

Così oggi è possibile praticare osservazione naturalistica, a volte senza nemmeno abbandonare le strade asfaltate, di sicuro interesse e pregio. Dallatartaruga d’acqua dolce al cavaliere d’Italia e il pollo sultano, un rallide di colore blu intenso che nidifica da anni in alcuni luoghi del delta del fiume Posada. presente anche il maestoso falco di palude riconoscibile da una macchia bianca sul capo. le zone offrono diversi scenari faunistici alquanto singolari, essendo quelli entomologici, ornitologici e botanici tutt’affatto unici.

Anche il mare, sebbene ormai deprivato di pesce dalla pesca a strascico, resta suggestivamente incontaminato, sia a causa delle dimensioni delle spiagge che comunque non corre rischi di affollamento (il Golfo di Posada si estende, dalla punta di Orvile a Santa Lucia di Siniscola, per circa 20 km), sia per il rapporto fra la lunghezza delle spiagge ed il fronte di retroterra direttamente sfruttabile (cioè le zone non umide).

Come nel resto della Sardegna, sono in corso programmi di edificazione di massiccia portata, che taluni intendono come un pericolo per l’ambiente in quanto riguardanti aree oramai prossime ai bordi delle zone umide. Questa tendenza, che peraltro non ha un concreto fondamento economico, giacché le volumetrie disponibili sono già ben superiori alla domanda anche turistica di alloggio, ha pressoché definitivamente avvicendato i precedenti progetti di realizzazione di un parco fluviale protetto (anni novanta).

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera era di 193 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Tra le diverse sagre la principale festeggia la Madonna del Soccorso, che cade in data variabile la prima domenica dopo Pasqua. Inoltre a Posada si festeggia il patrono, S. Antonio Abate il 17/01, con una festa in piazza dove si dà fuoco ad un unico immenso cumulo di cisto (sardo: “mudregu”), raccolto nei giorni immediatamente precedenti. Il caratteristico rituale prevede 3 giri intorno al falò in processione. In seguito si distribuiscono dei dolci tipici, quali “sos cogoneddos” e “s’aranzada”, benedetti durante la cerimonia ecclesiastica e rigorosamente fatti a mano dalle signore di Posada. Oltre a questo un piccolo comitato è incaricato di organizzare un “rinfresco” a base di panini con salsiccia arrosto e vino. A fine settembre si svolge anche la sagra campestre nel santuario di San Michele

Negli ultimi decenni si sono moltiplicate a Posada le iniziative culturali, principalmente volte al recupero di valori di valenza regionale.

Nella letteratura sarda, Posada è sede dell’omonimo famosissimo premio di Poesia. La selezione riguarda opere in lingua sarda, rimate o meno, raggruppate per diverse sezioni.

Nella musica, il “Posada Jazz Project” è stato un riuscitissimo esperimento di promozione di questo genere, consistente nella selezione di giovani talenti jazzistici da premiare con la copertura delle spese di produzione dei rispettivi primi dischi. Dopo diverse edizioni, tutte di successo, e per motivi non noti, la manifestazione è stata soppressa intorno al 1995.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

L’offerta turistica di Posada si compone di alcuni alberghi e residence e numerosi B & B dislocati in tutto il terriotiro. Presente anche affittanza stagionale in case di civile abitazione. Le località di alloggio sono il centro storico di Posada, le zone periferiche e la borgata di San Giovanni (sul mare).

Oltre alle spiagge di San Giovanni, Su Tiriarzu, Iscraios, Due pini e Orvile, sono oggetto di visita i percorsi fluviali, il lago di Maccheronis nel vicino comune di Torpè, il centro storico, i Nuraghi e la tomba dei giganti. Le spiagge di Posada inoltre dal 2008 al 2012 hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento delle Cinque Vele conferito da Legambiente.

Il vasto porto de La Caletta (Siniscola) (ca. 1000 posti barca), co-gestito insieme al comune di Siniscola col quale Posada condivide la competenza territoriale, è in corso di adeguamento per la messa in opera di strutture e servizi per diportisti.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di calcio milita in Prima Categoria ed ingaggiò il portiere del PSG e della nazionale italiana di calcio, il noto Salvatore Sirigu nei suoi primi anni di formazione calcistica.

Galleria d’immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato ISTAT – Popolazione residente al 30 settembre 2014
  2. ^ Posada, dizionario.rai.it. URL consultato il 14 agosto 2011.
  3. ^ Statistiche I.StatISTAT; URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna

Bronzetto – Ercole Italico V-IV Sec A.C.

 450px-ErcoleDiPosada3
Bronzetto
raffiguranteErcole rinvenuto a Posada. Cagliari, Museo Archeologico Nazionale.

Posada è uno dei centri abitati sardi più antichi in assoluto. La scoperta (negli anni ’20) di una statuetta rappresentate un Ercole Italico del V-IV secolo a.C. unitamente al ritrovamento di reperti di pari epoca, testimonia la presenza dell’uomo sin da tempi remoti.

Di fatto Posada fu un centro italico-etrusco (verosimilmente falisco), collegato probabilmente al primo tentativo di colonizzazione della Sardegna attuato dai romani già in epoca punica. Diodoro riferisce dell’invio sull’isola di 500 coloni romani tra il 378 e il 377 a.C. (un secolo prima della conquista).

tratto da http://it.wikipedia.org/wiki/Posada

Castello della Fava

Primavera-a-Posada-Castello-della-Fava-e1398702457707

Castello della Fava – Posada
Roccaforte del Giudicato di Gallura, edificata fin dal XII secolo, ha conservato la cinta muraria e la torre a base quadrata alta 20 m. il castello è stato sottoposto a restauro: una scala in legno porta alla sommità della torre quadrata da cui si può godere dell’ampio panorama sul mare, sulla foce del fiume Posada e la pianura circostante.

torre

CHIESA MADANNA DEL SOCCORSO

index23232

La chiesa dedicata alla Madonna del Soccorso, situata nel cuore del centro storico di Posada, è caratterizzata da una pianta longitudinale a navata unica e tetto a doppio spiovente con copertura in tegole. La facciata in muratura bianca ospita al centro il portone con lunetta semicircolare sovrastato da un bel campanile a vela. Sui lati della chiesa sono presenti massicci contrafforti.
tratto da http://www.sardiniaportal.net/it/notizie/1884/chiesa_nostra_signora_del_soccorso.html

La madonna del Soccorso si festeggia con rito religioso e folklore la settimana dopo di Pasqua.

Madonna_del_Soccorso

Casa Delle Dame Nel Borgo Storico CEAS

casa_delle_dame_posada i1066818349301084222

Il punto informativo turistico è situato presso il Centro di Educazione Ambientale e alla Sostenibilità di Casa delle Dame, nel centro storico di Posada.
Offre indicazioni e informazioni sull’ospitalità locale, sugli eventi e sui servizi per la fruizione del territorio e organizza attività escursionistiche a piedi e in canoa nell’area fluviale e nelle zone montane del Parco regionale di Tepilora, appuntamenti per il birdwatching, attività ludico-didattiche per bambini e ragazzi.
La Casa delle Dame ospita due mostre permanenti sull’avifauna del Rio Posada e sui sistemi fluviali della Sardegna, con possibilità di visita guidata nelle ore serali.

VEDI ATTIVITA’ DEL CENTRO AMBIENTALE
http://www.comune.posada.nu.it/docs/cultura/24/casa_delle_dame_pieghevole_web.pdf

Contatti
tel. 0784 1949588
e-mail: ceasposada@tiscali.it
fb: CEAS Casa delle Dame

Orario di apertura estivo
Dal 1 luglio al 31 agosto
mattina: 10.00 – 13.00
pomeriggio: 18.00 – 23.00
TRATTO DA http://www.comune.posada.nu.it/cultura/cultura.asp?id=24&ln=IT

Chiesa di Santa Lucia

indexPiccola chiesa in paese, con una sola navata con tett a ‘capanna’. Ha un grosso portone d’ingresso, è tutta bianche con muraglia laterale di supporto. Ha il campanile.
La festa di Santa Lucia si celebra il 13 dicembre. La chiesetta è gestita da un prioratodi donne che la tengono pulita e la preparano per funeriai, battesimi etc..

Fauna e Flora

22543239_0cec3
Nel fiume di Posada e nelle numerose e vicine zone umide del territorio vivono tantissime specie di uccelli quali: il Gallo Sultano, Cavaliere d’Italia, Pulcinella d’acqua, Germani Reali, Fischione, Mestolone, Codone, Moriglione… è un’oasi naturalistica protetta. Nello stagno, situato di fronte a Monte Longu sulla strada per San Giovanni, da diversi anni nidificano i Fenicotteri e gli Aironi che si possono ammirare tutto l’anno, si trovano anche Salici, Pioppo bianco, Tamerici, Giunco. Eucalipto. Nei monti circostanti ci sono gli Astori, i Falchi, il Gheppio, Barbagianni, Gufi, Civette e Tortore, ma anche Volpi, Cinghiali, Ricci, Lepri, Donnole; la macchia è ricchissima di Mirto “Sa Murta” (dalla bacca nasce il liquore omonimo rosso, mentre quello bianco viene estratto dalle foglie), Olivastro, Oleandro (rosso, rosa, bianco), Ferula (velenosa per il bestiame), Lentisco, Rosmarino, Cisto giallo, Asfodelo (con la fibra si fanno i cestini), Elicriso, Fico d’India“Ficu Murisca” (che in questi ultimi anni vengono anche coltivati, per fare marmellate e liquori) etc…